lunedì 18 febbraio 2013

Spero, Promitto e Iuro vogliono sempre l'infinito futuro



Ho frequentato il Liceo Classico ed ho studiato per 5 anni la grammatica latina. Una noia mortale.
Una delle regole che mi sono sempre rimaste impresse è proprio questa ‘’Spero, promitto e iuro reggono l’infinito futuro’’ che, tradotto, suona proprio come sembra, cioè ‘’Spero, prometto e giuro vogliono sempre l’infinito futuro’’.
Da studentessa era una nozione come un’altra che serviva a prendere la sufficienza nei compiti in classe, ma, crescendo, ha assunto un’accezione diversa.
Ah. Una cosa buffa. L’infinito futuro in italiano non esiste più eppure concettualmente ha una sua importanza. Ha importanza perché dà l’idea di cosa significano davvero questi 3 verbi: sperare, promettere e giurare.
Lasciamo stare quando lo facciamo con gli altri, ma quando lo facciamo con noi stessi.
Pensandoci bene, quando noi vogliamo davvero diventare qualcosa di diverso da quello che siamo, quando DESIDERIAMO ARDENTEMENTE qualcosa prima speriamo (e molti si fermano lì e non vanno avanti) e poi promettiamo e giuriamo a noi stessi che raggiungeremo l’obiettivo.
Il meccanismo è che nel presente io spero, promitto e iuro per ottenere un risultato nel futuro.
La differenza fondamentale tra le persone, quella che permette poi di raggiungere i risultati, è che molti si fermano allo Spero. Vedono il loro futuro possibile metaforicamente seduti e lì rimangono. Invocano la Fortuna, l’Universo, le leggi della fisica, gli Angeli, ma non vanno al passo successivo. Ed è per questo che molti iniziali fan della legge dell’Attrazione rimangono poi delusi.
Non PromettonoGiurano a loro stessi che ce la faranno e quindi non fanno nemmeno i passi elementari o al massimo uno o due poi … il nulla. Si demoralizzano e si paralizzano.
E allora cominciano ad incolpare la Sfortuna e quant’altro.
Quindi, come si fa a sperare lo sappiamo tutti, ma come possiamo promettere e giurare a noi stessi che ci impegneremo al massimo per raggiungere il nostro obiettivo?
In 4 passi semplici e lineari:
  1. Riuscendo a capire cosa desideriamo davvero;
  2. Identificando il nostro obiettivo con tutte le sfumature;
  3. Immaginando e trattenendo le emozioni che proveremo quando lo avremo raggiunto (un’arma umana potentissima);
  4. Stilando un ‘’piano di azione’’ divisibile in piccole tappe che ci permettano di sapere in tempi brevi che stiamo procedendo nella giusta direzione, tenendo sempre a mente l’obiettivo finale.
Con queste 4 mosse possiamo pensare più realisticamente che le eventuali difficoltà non ci fermeranno.
Quindi, ricorda, SPERO, PROMITTO E IURO VOGLIONO SEMPRE L’INFINITO FUTURO.

Myriam
Se vuoi saperne di più… contattami!

www.artisticlife.it